Da PAC – PaneAcquaCulture:

Lo spettacolo tratta della realtà digitale, assumendo una posizione critica, nello stesso momento in cui si avvale di quello stesso linguaggio. E il trait d’union sembra essere proprio nella prestidigitazione: da un lato quella operata dai software di creazione visuale e dall’altro, letteralmente quella del clown/cabarettista, cioè dell’artista, fuse nella figura del Nerd/Nerd2.